ATTENZIONE!!!
Per un corretto utilizzo del sito è necessario attivare gli script nel browser in uso.

Leggi qui le istruzioni su come fare.
S.I.A. Servizi Informatici Antelmi S.r.l.
Seguici su  Facebook SIA srl Twitter SIA srl
Info Colf  Approfondimenti

L’orario di lavoro

L’orario di lavoro

Orari particolari

Maggiorazioni per lavoro notturno

L’orario di lavoro

La durata dell’orario di lavoro è quella concordata tra le parti nel rispetto dei seguenti limiti massimi:

 - 10 ore giornaliere non consecutive per un totale di 54 ore settimanali, se è convivente

- 8 ore giornaliere non consecutive per un totale di 40 ore settimanali, se non è convivente

Orari particolari

a) Lavoratori part-time

 

I lavoratori conviventi inquadrati nei livelli C, B e B super, nonché gli studenti di età compresa fra i 16 e i 40 anni possono essere assunti in regime di convivenza con orario fino a 30 ore settimanali; il loro orario di lavoro dovrà essere articolato in una delle seguenti tipologie:

- interamente collocato tra le ore 6.00 e le ore 14.00;
- interamente collocato tra le ore 14.00 e le ore 22.00;
- interamente collocato, nel limite massimo di 10 ore al giorno non consecutive, in non più di tre giorni settimanali.

b) Lavoratori notturni:

 

Prestazioni di presenza notturna: lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (non mansioni di assistenza, bensì di attesa), in un orario ricompreso interamente tra le ore 21 e le ore 8.
Prestazioni di assistenza notturna discontinua: personale non infermieristico espressamente assunto per discontinue prestazioni assistenziali di attesa notturna all’infanzia, ad anziani, a portatori di handicap o ammalati, in un orario ricompreso interamente tra le ore 20 e le ore 8.

Maggiorazioni per lavoro notturno

E' considerato lavoro notturno quello prestato tra le ore 22,00 e le ore 6,00 ed è compensato con la maggiorazione del 20% della normale retribuzione globale di fatto oraria.

 

La maggiorazione non spetta al personale non infermieristico assunto per prestazioni discontinue di assistenza notturna o per prestazioni esclusivamente d'attesa, per il quale sono stabiliti appositi minimi contrattuali.