ATTENZIONE!!!
Per un corretto utilizzo del sito è necessario attivare gli script nel browser in uso.

Leggi qui le istruzioni su come fare.
S.I.A. Servizi Informatici Antelmi S.r.l.
Seguici su  Facebook SIA srl Google+ SIA srl Twitter SIA srl
Info Colf  Approfondimenti

Lavoro a tempo determinato

Soggetti destinatari

Durata

Modalità di assunzione

Contratto di assunzione

Proroga

Prosecuzione di fatto del rapporto

Successione dei contratti

Contributo aggiuntivo

Soggetti destinatari

E' consentita l'apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato per lo svolgimento di qualunque tipo di mansione, senza alcun obbligo di indicare le ragioni giustificatrici di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo.

Durata

36 mesi (comprese eventuali proroghe qualora il contratto iniziale fosse inferiore a 3 anni).

Modalità di assunzione

I  datori di lavoro potranno assumere lavoratori a termine anche tramite le agenzie di lavoro interinale oltre che tramite i canali utilizzati per l’assunzione dei lavoratori a tempo indeterminato.

Contratto di assunzione

A differenza dei contratti a tempo indeterminato, per l'assunzione a termine è  necessaria la forma scritta. La mancanza della forma scritta ha come conseguenza che il contratto è considerato a tempo indeterminato fin dall'inizio.

La forma scritta non è necessaria se la durata del rapporto di lavoro  non è superiore a 12 giorni.

 

Modello Contratto assunzione

Proroga

Si ha la proroga di un contratto nel caso in cui, prima della scadenza del termine, lo stesso venga prorogato ad altra data.

Il contratto a tempo determinato può essere prorogato, con il consenso del lavoratore, solo se la durata iniziale è inferiore a 3 anni (36 mesi).

Sono ammesse massimo 5 proroghe, nell'arco di 36 mesi, indipendentemente dal numero dei rinnovi, a condizione che si riferisca alla stessa attività lavorativa per la quale il contratto è stato stipulato a tempo determinato.  

 

Modello Proroga Contratto a Termine

Prosecuzione di fatto del rapporto

Alla scadenza  del  termine inizialmente fissato o successivamente prorogato è possibile proseguire di fatto il rapporto di lavoro fino ad un massimo di:

- 30 giorni per contratti con durata inferiore a 6 mesi

- 50 giorni per contratti con durata superiore a 6 mesi

In tal caso il datore di lavoro è tenuto a corrispondere  al lavoratore una maggiorazione della retribuzione per  ogni  giorno  di continuazione del rapporto pari al:

-  20% fino  al  decimo giorno  successivo

- 40% per ciascun giorno ulteriore.

Successione dei contratti

Si ha il "rinnovo" del contratto, quando l'iniziale contratto a termine raggiunga la scadenza originariamente prevista (o successivamente prorogata) e le parti vogliano procedere alla sottoscrizione di un ulteriore contratto.

Quando il termine iniziale del rapporto non è superiore a tre anni è possibile riassumere il lavoratore a patto che tra la fine del precedente contatto (o l’eventuale proroga) e l’inizio del nuovo rapporto si rispettino i seguenti termini:

- 10 giorni per contratti con durata inferiore a 6 mesi

- 20 giorni per contratti con durata superiore a 6 mesi

La contrattazione collettiva ha facoltà di ridurre detti intervalli rispettivamente a 20 e 30 giorni qualora l’assunzione a termine avvenga nell’ambito di un processo organizzativo.

Se non si rispettano tali termini il secondo contratto si considera a tempo indeterminato. Se, invece, tra due assunzioni a termine non trascorre alcun intervallo di tempo, l’intero rapporto viene considerato a tempo indeterminato.

Contributo aggiuntivo

Dal 1 gennaio 2013, , l'art. 2 della legge 28 giugno 2012, prevede che si applichi ai rapporti a tempo determinato un contributo addizionale previdenziale, a carico del datore di lavoro pari all'1,40% della retribuzione imponibile.

Tuttavia, in caso di lavoratori assunti a tempo determinato in sostituzione di lavoratori assenti, tale contributo addizionale non è previsto.