ATTENZIONE!!!
Per un corretto utilizzo del sito è necessario attivare gli script nel browser in uso.

Leggi qui le istruzioni su come fare.
S.I.A. Servizi Informatici Antelmi S.r.l.
Seguici su  Facebook SIA srl Google+ SIA srl Twitter SIA srl


I documenti per l'assunzione
Tipologie di assunzione
La predisposizione del contratto di lavoro
L'obbligo assicurativo e la comunicazione di assunzione
La busta paga
L'organizzazione della prestazione lavorativa
Il lavoro straordinario
La tredicesima
Le festività
Le ferie e i permessi
Trasferimento e trasferta
Le assenze
Variazione condizioni contrattuali e obbligo di comunicazione
Come calcolare i contributi
Come pagare i contributi
Scadenze contributive
Sanzioni per omesso versamento
L'estratto contributivo
Obblighi fiscali del datore di lavoro: IL CUD
Obblighi fiscali del lavoratore: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI
Calcolo e pagamento delle tasse
Agevolazioni fiscali per il datore di lavoro
Cos'è la cassacolf
Le prestazioni
Come versare i contributi alla cassa
Cause di risoluzione del rapporto
Adempimenti in caso di risoluzione del rapporto
Il preavviso
Il trattamento di fine rapporto

Sanzioni per omesso versamento

Sanzioni per omesso versamento dei contributi (evasione contributiva)

In caso di lavoratore non regolarizzato, per l’omesso pagamento dei contributi, il datore di lavoro deve pagare sanzioni pecuniarie nella misura del 30% su base annua calcolate sull’importo dei contributi evasi, con un massimo del 60% ed un minimo di 3.000 euro, indipendentemente dalla durata della prestazione lavorativa.

Ne consegue che, anche per una sola giornata di lavoro non regolarizzato, il datore di lavoro può essere punito con la sanzione minima applicabile di 3.000 euro.

Questa sanzione civile è cumulabile con le sanzioni amministrative per la mancata comunicazione e per la mancata iscrizione all’Inps nei termini stabiliti.

Sanzioni per ritardato pagamento dei contributi (omissione contributiva)

Il datore di lavoro, nel caso di ritardo nel pagamento dei contributi, incorre nelle sanzioni pecuniarie di seguito indicate:

 

- Se il datore di lavoro effettua spontaneamente il versamento entro i 12 mesi dal termine stabilito, la sanzione applicata è pari al tasso ufficiale di riferimento alla data di pagamento o di calcolo maggiorato di 5,5 punti fino ad un massimo del 40% dell’importo dei contributi dovuti nel trimestre o sulla cifra residua da pagare (Circ. INPS. n. 97/2012)

- Se il datore non ottempera spontaneamente si ricade nella tipologia dell’evasione contributiva, sanzionata con un’aliquota del 30% su base annua sull’importo evaso nel trimestre (Circ. INPS. n. 97/2012).